Al termine della stagione, però, a Reja arriva una chiamata irrinunciabile. Il suo telefono squilla e da Formello è Claudio Lotito che lo contatta per affidargli le redini della Lazio. È in quel momento che le strade con Tudor si separano: il suo maestro vola in direzione di Roma, lui ricomincerà dalle giovanili dell’Hajduk. Il percorso che il tecnico ha fatto da quel giorno è più o meno noto a tutti: tornerà alla guida della Prima Squadra, poi il PAOK, il Galatasaray, l’Udinese e una nuova tappa a Spalato prima di Verona e Marsiglia. Un cammino lungo quindici anni e un grande cerchio che oggi arriva alla sua conclusione: Tudor sarà il nuovo allenatore della Lazio, proprio com’era stato il suo maestro prima di lui.