Skip to main content

Italia-Ungheria: Azzurri per il primo posto nel girone di Nations League

By Giugno 7, 2022Giugno 27th, 2022Calcio, Nations League

Si va verso un’altra rivoluzione per la partita contro l’Ungheria: come accaduto a Bologna con la Germania dopo Wembley, Mancini medita 10 nuovi cambi con il solo Donnarumma confermato.

 

Dopo il tracollo con l’Argentina e il riscatto contro la Germania, c’è grande curiosità per l’Italia che questa sera scenderà in campo nella seconda giornata del gruppo 3 della Lega di Nations League.

 

Al Dino Manuzzi di Cesena la Nazionale di Mancini ospiterà l’Ungheria di Marco Rossi. Un avversario da non sottovalutare, come confermato anche dall’esordio vittorioso sull’Inghilterra che ha permesso ai magiari di conquistare il primato solitario del girone.

 

Il commissario tecnico italiano nella conferenza stampa della vigilia ha aperto alla possibilità di una nuova rivoluzione in termini di scelte di formazione.

 

È questo, d’altronde, il momento di sperimentare e testare vari giovani, con la speranza di poter tornare – in tempi più o meno brevi – a contare su un gruppo nuovamente competitivo per il futuro, dopo il flop della mancata qualificazione ai Mondiali.

 

La presentazione

 

Partiamo ovviamente dai padroni di casa dell’Italia, reduci da una settimana veramente intensa.

Prima la Finalissima disastrosa contro l’Argentina, persa per 3-0 con in campo tutti i reduci da Euro2020. Poi la bella gara contro la Germania, con una formazione fortemente rimaneggiata e durante la quale Mancini ha fatto esordire ben sei giocatori.

 

Purtroppo gli Azzurri hanno perso un anno intero, dato che il Mancio è caduto nello stesso errore fatto ai tempi da Lippi e Berzot dopo un grande successo, ovvero la grande riconoscenza verso il gruppo che gli ha impedito di cambiare tutto appena è parso evidente che questa squadra aveva finito la benzina.

 

Gnonto, Frattesi, Pobega, Scamacca: questi sono i nuovi giocatori dai quali ripartire. Di fronte però ci sono statistiche non molto incoraggianti dal punto di vista offensivo, dato che l’Italia per una sola volta nelle ultime 10 uscite ha segnato più di un gol (contro la Lituania). Difensivamente invece, sono 10 i gol nelle ultime 10, ma solo contro l’Albiceleste ne abbiamo concesso più di uno. Sarà una partita tosta, ma noi siamo convinti che alla fine l’entusiasmo di questi ragazzini terribili avrà la meglio sull’organizzazione magiara.

 

Passiamo ora a parlare degli ospiti l’Ungheria di Marco Rossi. Il tecnico affronta l’Italia per la prima volta nei suoi quattro anni alla guida dei magiari, e dunque ci terrà sicuramente a fare una bella figura. Il bel lavoro di Rossi si è visto anche nel corso dell’ultimo Europeo, dove l’Ungheria è stata capace di uscire a testa altissima dal girone di ferro, fermando anche Francia e Germania.

 

I magiari poi hanno dimostrato di saper giocare contro la grandi nazionali, avendo fermato sul pareggio l’Inghilterra nel corso delle qualificazioni al Qatar (qualificazioni fallite) e avendola battuta anche all’esordio di Nations League pochi giorni fa, col punteggio di 1-0 (rigore di Szoboszlai). Una sola sconfitta nelle ultime sei gara ufficiali giocate, l’Ungheria non sarà un avversario tenero, e dunque è vietato abbassare l’asticella dell’attenzione. Tecnicamente sono inferiori sia a noi che all’Inghilterra, ma evidentemente hanno un tipo di gioco che fa male contro chi desidera tenere palla e imporre il ritmo. Servirà attenzione massima, ma giocando con un minimo di qualità l’Italia dovrebbe trovare la vittoria.

 

Le probabili formazioni

 

Gli Azzurri dovrebbero continuare sulla falsariga della gara con la Germania. Previsti ancora molti cambi a gara in corso, ma la grossa novità è la presenza di Gnonto nel tridente titolare dopo l’assist della scorsa gara. Per il resto confermati gli altri 10.

 

L’Ungheria invece punterà quasi tutto sul suo trequartista Szoboszlai, a segno contro l’Inghilterra. Per il resto la qualità è quella che è, ma il 3-4-2-1 è un modulo che ora va molto di moda in quanto in grado di coprire bene la maggior parte del campo.

 

Italia (4-3-3): Donnarumma; Florenzi, Acerbi, Bastoni, Dimarco; Frattesi, Cristante, Tonali; Gnonto, Scamacca, Pellegrini. Ct. Mancini.

 

Ungheria (3-4-2-1): Gulacsi; Lang, At. Szalai, Orban, Nego, Schafer, A. Nagy, Z. Nagy; Sallai, Szoboszlai; Ad. Szalai. Ct. Rossi.

 

Credit: https://sport.sky.it/

Leave a Reply