Skip to main content

PlatinoNews – Djokovic, il governo australiano dice ancora no: annullato il visto

By Gennaio 14, 2022Tennis

Djokovic, il governo australiano dice ancora no: annullato il visto.

Il Ministro dell’Immigrazione Alex Hawke ha revocato il visto di ingresso in Australia a Djokovic. “Motivi di salute e ordine pubblico”, si legge nella nota del Governo. I legali del serbo si preparano a presentare appello: in caso contrario il n°1 del mondo dovrà lasciare il Paese tra poche ore.

Il Governo australiano ha annullato una seconda volta il visto di Novak Djokovic. Secondo il ministro dell’Immigrazione Alex Hawke la decisione è stata presa “per motivi di salute e ordine pubblico, in quanto era nell’interesse della popolazione farlo”. Secondo i media australiani domani dovrà presentarsi per un colloquio con i funzionari dell’immigrazione. Se Djokovic non impugnerà la decisione in tribunale, verrà immediatamente espulso dal Paese.

Ma ecco la dichiarazione del ministro Hawke: “Oggi ho esercitato il mio potere ai sensi dell’articolo 133C(3) della legge sulla migrazione di annullare il visto di Novak Djokovic per motivi di salute e buon ordine, sulla base del fatto che ciò fosse nell’interesse pubblico. Questa decisione arriva dopo le ordinanze del Circuito federale e del tribunale della famiglia del 10 gennaio 2022 che ha annullato una precedente decisione per motivi di equità procedurale. Nel prendere questa decisione, ho considerato attentamente le informazioni fornitemi dal Dipartimento degli affari interni, dall’Australian Border Force e dal signor Djokovic. Il governo Morrison è fermamente impegnato a proteggere i confini dell’Australia, in particolare in relazione alla pandemia di Covid”. L’articolo sopra citato potrebbe portare al divieto di ingresso in Australia per tre anni. “Prendo atto della decisione del ministro dell’Immigrazione su Novak Djokovic” ha dichiarato il primo ministro australiano Scott Morrison. “Questa pandemia è stata incredibilmente difficile per ogni australiano, ma siamo rimasti uniti e abbiamo salvato vite. Gli australiani hanno fatto molti sacrifici durante questa pandemia e giustamente si aspettano che il risultato di quei sacrifici venga protetto. Questo è ciò che il Ministro sta facendo oggi nel compiere questa azione”.

I legali starebbero già valutando se presentare appello contro l’annullamento del visto presso il circuito federale e il tribunale della famiglia, come avevano già fatto con successo dopo il primo annullamento. Sarà richiesta l’urgenza del provvedimento, in modo che il caso sia discusso nel fine settimana: solo così, in caso di accoglimento dell’appello, Djokovic potrebbe giocare il torneo, che inizierà il 17 gennaio.