Skip to main content

PlatinoNews – I Lakers perdono a Philadelphia. Fuori LeBron per infortunio

By Gennaio 29, 2022Basket, News

I Lakers perdono a Philadelphia. Fuori LeBron per infortunio

I Lakers non riescono a battere i 76ers, a causa della mancanza di LeBron causa infortunio, nonostante un ottimo Anthony Davis, e vanno ko a Philadelphia, Golden State, invece, si affida agli Splash Brothers e supera Minnesota

James è stato a riposo a causa di un problema al ginocchio sinistro e i Lakers (24-25) non riescono ad infastidire i 76ers (29-19) nonostante l’ottima prestazione di un attivissimo Anthony Davis. Gli ospiti nel primo tempo si affidano alle giocate di Davis che trova il canestro con grande facilità. Davis chiude un gran primo tempo con 23 punti (tirando con 10/13 dal campo) e i Lakers arrivano al -6 ma nel terzo periodo la musica cambia. Philadelphia accelera e con un parziale di 18-6 prende il possesso del match. Embiid decide di chiudere il terzo periodo in bellezza, i padroni di casa corrono al +22 e mettono i Lakers con le spalle al muro. Il match in pratica si chiude qui. Ci pensano gli Splash Brothers a mettere ko i coraggiosi Timberwolves (24-24). Golden State scappa via nel terzo quarto e arriva al +16 ma la squadra ospite risponde con grande personalità segnando i primi 10 punti della frazione finale per tornare così prepotentemente in partita. Le triple della premiata coppia Curry-Thompson però tengono lontani Minnesota. I tifosi dei Warriors (36-13) salutano con entusiasmo a inizio partita Wiggins che riceve la sua prima convocazione all’All Star Game. L’ex Timberwolves vuole lasciare il segno nella sfida con Minnesota ma nel primo tempo gli ospiti, con un Towns (31 punti e 12 rimbalzi), danno filo da torcere alla squadra californiana. Il terzo quarto cambia gli equilibri del match, Golden State riprende in mano le redini della gara e Minnesota, che perde Russell per infortunio, non riesce a tenere il ritmo di Curry e compagni. Nella frazione finale poi, dopo il ritorno dei T-Wolves, gli Splash Brothers firmano il successo di Golden State.