Skip to main content

PlatinoNews – La guerra ferma il basket: sospese tutte le squadre russe da Eurolega e Eurocup

By Marzo 1, 2022Settembre 29th, 2022Basket, News

La guerra ferma il basket: sospese tutte le squadre russe da Eurolega e Eurocup

Decisione forte dell’ECA per le 4 squadre russe impegnate nelle competizioni Eurolega. Le partite, ad oggi, sono sospese ma potrebbero essere cancellate del tutto se la situazione non migliorerà.

La guerra e la tensione crescente sull’asse Russia-Ucraina continuano a preoccupare anche il mondo dello sport, e tra una notizia e l’altra dei tanti giocatori in procinto di lasciare le rispettive squadre o già partiti dal Paese anche l’ECA ha assunto una posizione forte. Il board delle competizioni Eurolega ed Eurocup ha deciso di sospendere con decorrenza immediata le squadre russe, in particolare CSKA Mosca, Zenit San Pietroburgo, Unics Kazan e Lokomotiv Kuban che quindi chiudono anzitempo la loro stagione europea. La decisione iniziale di spostare fisicamente le partite che si sarebbero dovute disputare in Russia su campo neutri aveva infatti trovato forti opposizioni da parte delle società. Questo il comunicato appena uscito: “La partecipazione delle squadre appartenenti alla Federazione Russa è stata sospesa. Si tratta per quanto riguarda la Turkish Airlines EuroLeague di CSKA Mosca, UNICS Kazan, Zenit San Pietroburgo. Euroleague Basketball continuerà a monitorare l’evoluzione della situazione. Dovesse non risolversi in modo favorevole, tutte le partite di regular season giocate dalle squadre russe saranno annullate in modo da compilare una classifica che non tenga conto delle stesse. Euroleague Basketball e i suoi club ribadiscono il loro fermo impegno per la pace, sono contro ogni atto di violenza o di guerra, e continueranno ad usare la loro voce per promuovere rispetto, inclusione e diversità, valori che sono alla base dell’organizzazione e delle sue squadre.” In attesa di ulteriori risvolti (ad oggi infatti la sospensione non implica l’estromissione delle 4 compagini sovietiche e l’annullamento delle partite), tutte le sfide da disputare sono quindi sospese e in caso di mancate evoluzioni positive l’ECA ha già anticipato che si provvederà ad annullare direttamente le partite. Il board ha optato quindi per la decisione più forte, respingendo ogni istanza delle 4 squadre che avevano invece richiesto il rinvio di un mese di tutte le partite, in attesa di miglioramenti sul fronte Russia-Ucraina.