Skip to main content

PlatinoNews – Quartararo punzecchia la Yamaha: “Non vedo differenze sulla M1”

By Febbraio 7, 2022motori, News

Quartararo punzecchia la Yamaha: “Non vedo differenze sulla M1”

Ecco le prime considerazioni dei piloti del team ufficiale Yamaha dopo il primo giorno di test MotoGP a Sepang. Morbidelli: “Mi sono concentrato sulla guida, vuol dire che il ginocchio non dà problemi. Sento piccoli miglioramenti a ogni pezzo nuovo”. Quartararo: “Non vedo la velocità di curva del 2021”.

Il vero problema della Yamaha MotoGP era il motore. E dopo i primi test ufficiali a Sepang (Malesia), quel problema è ancora lì. Fabio Quartararo è stato chiaro: “Non vedo tante differenze finora rispetto allo scorso anno”. Più soddisfatto invece sembra Franco Morbidelli, contento soprattutto perché “ho potuto concentrarmi solo sulla moto, il ginocchio non mi ha dato problemi”.

Il francese, Campione del Mondo 2021, continua a specificare: “Il motore è simile all’anno scorso, non ho fatto un vero time attack perché ho girato molto sulle medie, non ho provato poi i benefici delle soft. Vedremo nel secondo giorno”. Altra nota non buona è sulla velocità: “Non ho percepito velocità in curva, che era il nostro punto di forza nel 2021, nel Day2 voglio lavorare su questo aspetto. Devo concentrarmi sulla guida pulita così da capire meglio le differenze, per ora la moto mi sembra simile ma domani voglio essere più aggressivo”. E sulla potenza il rebus resta irrisolto, per ora: “Sì, avevo chiesto più potenza a Yamaha ma non è che si inventa una cosa così dalla sera alla mattina. E se non hai potenza ti adatti con la guida migliore”. A differenza di Quartararo che non è sembrato affatto contento, troviamo un Morbidelli più rilassato e appagato: “Il ginocchio operato è andato bene, si vede che abbiamo lavorato tanto e bene nei mesi di sosta. Mi sono potuto concentrare sulla guida, che è molto significativo, credo che per il GP Qatar del 6 marzo sarò al 100%”. Per il pilota romano, questi sono i primi veri test da pilota ufficiale, ed il suo è sicuramente un approccio più che positivo: “Il team lavora bene, ho fatto una sessantina di giri e sono riuscito a replicare i tempi, tenevo il ritmo ed è un buon aspetto. Stiamo cercando di far funzionare bene le gomme, credo di aver trovato la direzione giusta, sentivo piccoli ma costanti miglioramenti a ogni pezzo nuovo che montavamo. Nel Day2 proverò anche un telaio nuovo e vedremo”.