Skip to main content

PlatinoNews – Sinner si ritira, Cerundolo vola in semifinale a Miami

By Marzo 31, 2022Tennis

Sinner si ritira, Cerundolo vola in semifinale a Miami

L’azzurro alza bandiera bianca dopo aver perso a zero il quinto game.

Finisce dopo appena 22 minuti il quarto di finale nel Masters 1000 di Miami tra Jannik Sinner e Francisco Cerundolo: l’azzurro si è ritirato sotto 4-1 al primo set e ha lasciato il campo zoppicando leggermente ma senza dire niente nè al suo avversario, nè all’arbitro. Stando alle prime indiscrezioni, sono state le vesciche ai piedi la causa del ritiro di Jannik. Dopo aver annullato 3 match point a Ruusuvuori al primo turno, 5 match point a Pablo Carreno Busta al secondo e battuto in due set l’australiano Nick Kyrgios, Sinner pareva nettamente favorito per raggiungere un posto per le semifinali. La partita vera e propria è durata pochissimi minuti. Le armi a disposizione di Sinner sono nettamente più potenti e precise di quelle di Cerundolo, ma l’argentino non si fa intimorire più di tanto, ostentando un tennis capace di rispondere colpo su colpo ai fendenti dell’azzurro. Cerundolo annulla una palla break già nel game d’aperura, Sinner ha bisogno di tre smash per chiudere a 15 il suo primo turno di battuta e poi l’argentino si aggrappa al servizio per salire avanti 2-1. L’altoatesino vola 40-0 per raggiungere il rivale sul 2 pari, ma subisce un passaggio a vuoto, commette i primi gratuiti e poi inaspettatamente concede all’avversario il break. Cerundolo è padrone del campo, forza sempre appena può, trova diagonali molto profonde e spesso prende in contropiede Sinner che affonda sotto 4-1 subendo 9 punti di fila. Al cambio di campo Sinner va a stringere la mano all’arbitro e al suo avversario e si ritira. “Ho solo visto – ha raccontato Cerundolo a fine incontro – che sul 2-1 30-0 Sinner si è piegato. Era improbabile che fosse stanco, ma avrà accusato un infortunio”. Rimangono 10 le semifinali italiane in un Masters 1000. Il primo è stato Andrea Gaudenzi a Monte Carlo 1995 (superato 6-3 7-6 da Thomas Muster), il secondo Andreas Seppi ad Amburgo 2005 (battuto 6-1 7-5 da Jurgen Melzer) e il terzo Filippo Volandri a Roma 2007 (eliminato da Fernando Gonzalez per 6-1 6-2). Poi ci sono state 3 presenze consecutive di Fabio Fognini: semifinalista a Monte Carlo 2013 (superato da Novak Djokovic 6-2 6-1), semifinalista a Miami 2017 (eliminato da Rafael Nadal pr 6-1 7-5) e infine vincitore a Monte Carlo 2019 (in finale su Dusan Lajovic per 6-3 6-4). La settima presenza in semifinale sempre nel 2019 grazie a Matteo Berrettini a Shanghai (superato da Zverev per 6-3 6-4), poi tre nel 2021: la finale di Sinner a Miami persa contro Hurkacz per 7-6 6-4, quella di Matteo Berrettini a Madrid persa contro Zverev per 6-7 6-4 6-3 e infine la semifinale di Lorenzo Sonego a Roma persa contro Novak Djokovic per 6-3 6-7 6-2