giovedì, Aprile 18, 2024
Banner Top

SERIE A 2023/24

I recuperi della 21° giornata di Serie A

SASSUOLO-NAPOLI 1-6

 

TRIPLETTA DI OSIMHEN E DOPPIETTA DI KVARA PER LA PRIMA VITTORIA DI CALZONA

 

Il Napoli ne fa 6 al Sassuolo al Mapei Stadium nel recupero della 21ª giornata di Serie A.

NAPOLI

La squadra di Calzona batte i Nero-verdi per 6-1 dopo esser passati in svantaggio. Una prova di carattere per il Napoli, bravo a rispondere al gol subito a sorpresa da Racic dopo aver iniziato la partita attaccando.

 

Il Napoli gioca bene, palla a terra e in velocità nonostante il campo pesantemente allentato. Il pareggio di Rrahamani su assist di tacco di Zambo Anguissa regala il pari prima dello show di Osimhen. Tre gol per il nigeriano (seconda tripletta in Serie A, ancora una volta a farne le spese è proprio il Sassuolo), due su assist di Politano e uno su invito di Kvaratskhelia che firma un secondo tempo debordante con i due gol che archiviano il risultato.

 

Napoli che dunque si porta a -4 dalla zona Europa e guarda con più fiducia alla sfida di domenica sera contro la Juventus al Maradona.

 

Il Sassuolo è invece sempre più in crisi, invischiato nella difficile lotta per non retrocedere. Inutile chiedere miracoli a Emiliano Bigica: esordio più complesso non poteva esserci. Certo che il problema difensivo per i Nero-verdi è evidente. Nelle ultime tre sconfitte, sono ben 12 i gol subiti.

INTER-ATALANTA 4-0

 

DARMIAN-LAUTARO MARTINEZ-DIMARCO-FRATTESI, LA CAPOLISTA VOLA A +12 SULLA JUVENTUS.

INTER

L’Inter stravince anche contro l’Atalanta, è inarrestabile. Il punteggio finale, un altro 4-0, il terzo consecutivo dopo quelli contro Salernitana e Lecce, è frutto dell’ennesima partita perfetta condita da un grande gioco e spettacolo.

 

La situazione di classifica è di +12 sulla Juventus, la più immediata (si fa per dire) inseguitrice. La squadra di Inzaghi chiude i conti già nel primo tempo, passando in vantaggio con Darmian e raddoppiando con la solita magia del solito Lautaro Martinez, quindi nella ripresa sono Dimarco (che riprende un rigore respinto da Carnesecchi allo stesso Lautaro) e Frattesi a conferire al risultato i tratti della goleada pura.

 

La Dea, invece, non è pervenuta in campo. Parte bene, si vede annullare un gol di De Ketelaere via VAR, poi crolla senza rialzarsi più. Ma contro un’armata del genere c’è ben poco da fare per tutti. Per vincere lo Scudetto e la seconda stella è ormai questione di tempo.

Banner Content